bottega intreccio
bottega intreccio

La nostra storia

LA NOSTRA STORIA

Bottega Intreccio è una storia italiana. Di un territorio che si specializza in un saper fare, di una conoscenza contadina che si trasforma in impresa, di oggetti e tradizioni che si rinnovano attraverso linguaggi contemporanei e un approccio imprenditoriale guidato dal design. 

Bottega Intreccio nasce nel 2014 a Mogliano, nelle Marche, ma le sue origini si rintracciano nelle mani di Giuseppe Maurizi, uno degli artigiani più anziani. Grazie a lui negli anni Sessanta l’arte dell’intreccio, solitamente applicata a cesti e borse, viene utilizzata in arredi da giardino e complementi in giunco e bambù. A Giuseppe e ad altri tre artigiani (Alfredo Astolfi, Mauro Corradini, Tonino Nardi), fondatori di Carteca Scuola Intreccio nel 2014, si deve la rinascita dell’interesse per la tecnica, ponendo le nuove generazioni a stretto contatto con gli artigiani esperti e riportando a Mogliano un saper fare che si stava perdendo. 

Bottega Intreccio è un atelier diffuso nel territorio. Si avvale dell’esperienza delle botteghe artigianali locali e delle sinergie con i distretti produttivi limitrofi, come quello dell’imbottito della vicina Tolentino. E, grazie al legame diretto con la Scuola, si pone come catalizzatore di conoscenza e sperimentazione per i nuovi intrecciatori. 

Dal 2019 lo studio angeletti ruzza cura l'art direction del marchio con l’obiettivo di esprimere l’attualità di materiali come il vimini, il rattan e il midollino negli interior domestici, nonché la poesia sottesa a quest’arte antica. Con il coinvolgimento di designer con una cifra stilistica riconoscibile e una forte sensibilità per i materiali, vogliono miscelare artigianato e design, poesia e concretezza. Bottega Intreccio debutta con una collezione eclettica che esprime armonia proprio nella valorizzazione di un materiale antico e di una lavorazione preziosa, fatta di minuziosità e intelligenza che scaturisce dalle mani.